Home

Cos'è il Commercio Equo

E-mail Stampa PDF

comesProbabilmente non ti sei mai chiesto quanta strada fanno certi prodotti prima di entrare nella tua casa, nella tua vita quotidiana? Probabilmente non sai che mentre tu sei fermo davanti a uno scaffale di un supermercato o ad una vetrina di un negozio, ci sono società che stanno investendo cifre colossali per orientare in modo apparentemente inconsapevole la tua scelta e a indurti ad acquistare un prodotto piuttosto che un altro.  scarica la locandina


 

In un mercato come quello attuale dove non si creano più nuovi prodotti ma solo nuovi marchi e dove le grandi multinazionali destinano sempre meno risorse alle attività di ricerca e sviluppo e sempre più risorse al marketing, diventa essenziale imparare ad acquisire consapevolezza nelle scelte che facciamo anche quelle che potrebbero sembrare banali.

Se è vero che in paradiso bevono una certa marca di caffè, bisognerebbe chiedersi anche come e dove vivono coloro che producono quel caffè, purtroppo tutta la produzione di beni provenienti da Paesi del Sud del mondo è caratterizzata dallo sfruttamento indiscriminato di risorse sia naturali che umane.

Il commercio equo e solidale vuole essere un aiuto a dare un senso al gesto della spesa quotidiana, solo apparentemente poco importante, vuole aiutare a ricordare che dietro ad un prodotto c'è la storia (e la vita) di persone che lavorano per la realizzazione di quel prodotto, il commercio equo e solidale mira a creare un mercato per le merci del Sud del mondo prodotte e commercializzate in modo più equo.

Per poter aiutare ad orientare le scelte verso un vero consumo critico, il commercio equo e solidale fornisce alcuni strumenti quali:

il prezzo trasparente, che consente al consumatore di sapere quanto di ciò che paga va effettivamente al produttore;
campagne di informazione e sensibilizzazione, che consentono di venire a contatto con le realtà, le culture, i modi di vivere, i sogni di coloro che abitano l'altra faccia del pianeta;
il prefinanziamento, che consente l'affrancamento dallo sfruttamento finanziario da parte di speculatori e garantisce l'accesso al credito laddove è impossibile attraverso canali tradizionali;
il rispetto dell'uomo e dell'ambiente, attraverso coltivazioni biologiche e l'impiego, nei processi produttivi, di materiali ecologici e riciclabili.

E' importante ricordarsi che scegliere prodotti del commercio equo e solidale non è fare carità ma bensì scegliere prodotti che qualitativamente non hanno nulla, ma proprio nulla da invidiare a quelli pubblicizzati e commercializzati nelle grandi catene di distribuzione. Chi sceglie un prodotto del commercio equo e solidale non rinuncia al buon gusto o al sapore ma anzi ne arrichisce il sapore con un ingrediente originale che i prodotti tradizionali molto spesso non hanno: la dignità. Dobbiamo ricordarci che non basta essere contro lo sfruttamento (in qualsiasi forma esso si presenta) per non esserne complici, è necessario che tale scelta si tramuti in gesti concreti, magari piccoli, magari apparentemente poco significativi, ma concreti.